Risparmio energetico in pochi passi: si può!

Vorresti abbattere i costi in bolletta, sapere per cosa hai diritto all’ecobonus, o “semplicemente” ridurre gli impatti sull’ambiente?

Ecco alcuni consigli pratici e fai da te per intraprendere la strada del risparmio energetico!

Consumi consapevoli

Per cominciare, la prima domanda da porsi è: quanta energia consuma la nostra abitazione?

Un po’ come un medico che prima di dare la cura ha bisogno di avere chiaro il quadro clinico del paziente, dobbiamo procurarci uno strumento diagnostico che sia in grado di monitorare l’energia che consuma la nostra casa, al fine di poter poi intervenire sugli sprechi.

Un’impresa impossibile? Tranquilli, si trovano in rete diversi dispositivi adatti all’uso, oltre a diverse soluzioni di domotica (per i più appassionati); basterà digitare sul web “misuratore di energia elettrica“, e scegliere il modello sul quale volete investire.

A questo punto: misurate, annotate e analizzate! Capire dove agire sarà un gioco da ragazzi.

Riportiamo comunque di seguito alcuni consigli e buone pratiche che vi possono aiutare nell’operazione!

Isolamento Termico

Un punto cruciale, è il corretto isolamento della propria casa. Seppure impercettibili, potrebbero esserci diverse falle nel vostro sistema di isolamento, per cui, armatevi di pazienza e procedete meticolosamente con le seguenti verifiche:

  1. Verificate che porte, finestre, persiane e pareti non presentino fessure, spifferi e simili, e nel caso li individuaste, procedete alla loro bonifica
  2. Porte e finestre sono la via di fuga più quotata per la dispersione del calore, quindi procedete periodicamente a sigillarle per bene. Se ancora la vostra abitazione non ne è dotata, sarebbe utile l’acquisto di finestre a doppio/triplo vetro, che vi aiuteranno a preservare il caldo/freddo oltre a costituire un’ottima barriera dai rumori esterni. Per l’acquisto di tali dotazioni, potrete godere della detrazione del 55% della spesa;
  3. In inverno: durante il giorno cercate di concentrare l’apertura delle finestre, in caso di necessità, alle ore più calde della giornata, limitandone al minimo il tempo di apertura. Prima di andare a dormire, verificare che tapparelle e persiane siano serrate al massimo. In caso di giornate di bel tempo, è buona prassi aprire le persiane esterne e le tende interne, in modo da permettere al sole di riscaldare l’ambiente;
  4. In estate: chiudete le tende e appannate le persiane esterne nelle ore più calde del giorno per schermare il sole diretto

Riscaldamento

  1. Verificate, prima dell’utilizzo dei termosifoni, che non ci siano al loro interno residui d’aria. Potete utilizzare per lo scopo le apposite valvole (oppure, nel caso in cui la stessa fosse assente, provvedere a farle installare); fondamentali sono la costante manutenzione ed i controlli periodici dell’impianto;
  2. Quando i termosifoni sono in uso, è importante evitare di coprirli con tende o mettere i radiatori troppo vicini ai mobili della stanza, che potrebbero ridurre la dispersione di calore;
  3. Se la vostra abitazione fosse dotata di un impianto un po’ vecchiotto, potrebbe essere il caso di valutare la sostituzione con un impianto di nuova generazione. A venirvi incontro, in tal caso, l’ecobonus con agevolazioni fino al 65% per interventi di risparmio energetico;
  4. Un’altra valida idea potrebbe essere installare un termostato intelligente, che potrà gestire l’accensione e lo spegnimento del sistema di casa riducendo gli sprechi.
  5. Se avete uno scaldabagno, regolate la temperatura massima sui 60° in inverno e sui 40° in estate.

Illuminazione

  1. Utilizzare lampadine a risparmio energetico, prevedendo la sostituzione di eventuali lampadine ad incandescenza ancora presenti in casa. Il costo maggiore rispetto alle storiche lampadine sarà nettamente ripagato per il maggior rendimento in termini di consumi;
  2. Le lampade a LED, ancora più delle lampadine a risparmio energetico, permettono di ridurre dell’80% i consumi e garantiscono una durata 25 volte maggiore delle classiche lampadine ad incandescenza;
  3. Importante è la scelta del livello di illuminazione garantito: evitare eccessivi livelli di illuminazione è un buon punto di partenza per il risparmio;
  4. Ricorda sempre di spegnere le luci quando non è necessario che siano accese; ricordate anche che accendere e spegnere continuamente le luci, ne riducono la durata;
  5. Evitare ogni qual volta sia possibile, l’illuminazione artificiale in pieno giorno, quando è sufficiente la luce naturale;

Elettrodomestici

  1. Forno, lavatrice, frigorifero, lavastovigliesono quelli che si definiscono Grandi Elettrodomestici e sono presenti in ormai tutte le case; se dovete cambiare o acquistarne uno, ricordatevi di scegliere sempre i modelli moderni a più alta resa energetica, ovvero la classe A++, tenendo sempre ben presente il reale fabbisogno della famiglia, evitando in tal modo di acquistare modelli che vadano oltre le proprie necessità;
  2. Il frigorifero, in particolare, va posizionato lontano da fonti di calore che potrebbero ridurne l’efficienza, aumentandone il dispendio energetico. Per questo elettrodomestico è importante avere a mente la caratteristica no frost, che evita il formarsi della brina; altre accortezze importanti sono evitare di introdurre cibi/bevande troppo calde, preferendo un raffreddamento naturale prima dell’introduzione in frigo, oltre allo storico consiglio di evitare di aprire e chiudere con frequenza lo sportello;
  3. Anche per il forno, evitare l’apertura e la chiusura ripetuta dello sportello quando è in funzione, è un consiglio pratico per evitare la dispersione di calore; preferire sempre un modello ventilato e spegnerlo leggermente in anticipo rispetto ai tempi di cottura, al fine di sfruttarne il calore residuo;
  4. Spostando il focus sulla lavatrice, ricordatevi che è fondamentale la manutenzione costante: dosare bene i detersivi evitandone un utilizzo eccessivo, e pulire costantemente il filtro aiuteranno i vostri consumi. Volete osare di più? effettuate lavaggi solo a pieno carico (sconsigliato il prelavaggio)
  5. Pulizia dei filtri, dosaggio del sapone e pieno carico, sono consigli validi ed utili anche per un oculato utilizzo della lavastoviglie;
  6. Se possibile, lascia che i tuoi panni si asciughino all’aria esterna, evitando così l’utilizzo di un’ asciugatrice
  7. se proprio non puoi fare a meno di utilizzare un condizionatore, cercate di badare anche in questo caso alla corretta manutenzione di filtri e motore, oltre ad utilizzarlo in maniera oculata e non eccessiva
  8. collegare diversi dispositivi/elettrodomestici ad una stessa ciabatta, vi permetterà di spegnerli contemporaneamente quando non li utilizzate, riducendo in tal modo anche il minimo dispendio energetico dovuto allo stanby degli stessi;

Acqua

  1. tenete il rubinetto dell’acqua aperto solo quando effettivamente necessario, evitando di far scorrere un flusso continuo mentre vi lavate i denti, le mani o siete sotto la doccia;
  2. istallare in bagno lo sciacquone con il doppio pulsante di scarico, permetterà un ulteriore dosaggio in termini di consumi idrici;
  3. potreste istallare dei miscelatori d’aria ai rubinetti di casa

Ricordate che anche le prese elettriche consumano energia, per cui evitare di lasciare in carica dispositivi più del dovuto è un altro comportamento virtuoso da osservare. In vostro soccorso gli stand-by killer, che interrompono in automatico la corrente al termine della carica (o quando i dispositivi sono spenti). Abbinarlo poi alle multiprese, aumenta esponenzialmente la salvaguardia dei consumi e dell’ambiente.

Agevolazioni

Ecco tutti gli interventi per i quali puoi godere degli incentivi statali:

  • riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento
  • miglioramento termico dell’edificio
  • fotovoltaico
  • sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale